AnnunciAziende

AnnunciAziende

Info e annunci dal e sul mondo business

From the blog

Cortometraggi

Come realizzare un cortometraggio professionale

Realizzare un cortometraggio professionale non è semplice con le tecniche del fai da te. Per poter ottenere un buon prodotto è necessario curare l’intero processo creativo e produttivo nel migliore dei modi, partendo dall’idea iniziale, che deve essere non banale e in grado di lasciare il segno, fino alla recitazione degli attori, senza trascurare regia e montaggio.

Ci sono molti aspetti che devono essere tenuti in grande considerazione, perché il rischio che un prodotto venga percepito come casalingo e amatoriale è molto alto, nonostante la grande mole di lavoro che spesso sta dietro a questi progetti. La prima cosa da fare è assicurarsi che l’idea di partenza sia valida, originale e non banale.

Questa deve quindi tradursi in una sceneggiatura più possibile solida. Quest’ultima può essere realizzata da un team di persone, dove ognuno metta in luce gli eventuali punti deboli della scrittura. In questo modo è più facile realizzare una sceneggiatura priva di momenti morti, dotata dei tempi giusti e in grado di valorizzare l’idea iniziale.

Una buona idea e una sceneggiatura solida sono un ottimo punto di partenza per realizzare un cortometraggio professionale. Il testo deve ora essere messo in scena. La recitazione è importantissima, sia per quanto riguarda le battute che le azioni che il semplice modo di porsi davanti alla telecamera.

Le scuole di recitazione possono essere un valido bacino di attori, spesso disponibili gratuitamente, che non saranno dei professionisti ma forniranno l’entusiasmo necessario e di certo reciteranno meglio di qualche amico o parente scritturato per dare una mano.

Altri aspetti da curare sono le luci, i suoni, i costumi e le scenografie. Bastano pochi particolari fuori posto perché un cortometraggio per il resto ben realizzato risulti, agli occhi di chi lo guarda, realizzato in modo non professionale. La regia stessa deve essere il più attentamente possibile pianificata e mai lasciata all’improvvisazione sul set. Se possibile andrebbe realizzato anche uno storyboard, in modo da dare ad attori e colleghi modo da farsi un’idea precisa di cosa andranno a realizzare.

L’ultimo aspetto per la realizzazione di un corto professionale riguarda il montaggio. Quest’ultimo aspetto è a dir poco fondamentale per scandire i tempi del filmato, selezionare le inquadrature e dare loro la giusta importanza e durata. Il montaggio è anche il momento per rivedere in modo critico il girato, decidendo eventualmente di tagliare battute o passaggi più deboli.

Realizzare un cortometraggio professionale fai da te non è per niente facile, per questo spesso è necessario ricorrere, almeno per una consulenza, a dei professionisti del settore.

Una società di produzione video, come Videomnia, sarà in grado di fornire tutti i consigli necessari dalla programmazione iniziale fino alla postproduzione. Videomnia si occupa anche del noleggio di strumentazione e videocamere, importantissime per la realizzazione di prodotti professionali e di qualità.

L’apporto di un professionista può aiutare in ogni fase della lavorazione del cortometraggio, dall’idea iniziale agli ultimi ritocchi di editing. Rivolgersi ad un esperto può portare facilmente e velocemente a correggere errori o sviste che altrimenti finirebbero nel montaggio definitivo, rovinando il prodotto finale.